Scarica

Tutti i numeri della rivista dedicata al rapporto tra lavoro, territorio e cultura sono scaricabili.

Il Niger e le nuove frontiere dell'Europa

Una ricerca su migrazioni e lavoro nell'Africa subsahariana

Caratteristiche

Autori Fabio Amato, Alessio Iocchi
Prefazione di Mauro Armanino
Introduzione di Sabina Breveglieri
Postfazione di Gian Andrea Ronchi
Pubblicato nel 2020
Formato 14/21
Pagine 128
ISBN 9788897992424
Uscita 12 Marzo 2020
Distribuzione Messaggerie

Caratteristiche

Temi Lavoro , Sindacato , Politica , Cultura , Economia , Storia
Anno 2020
Box Home Page Novitā
Codice
CLM01
Prezzo
€ 13,00

Lavorare in Niger è un privilegio. Lo è per i nigerini, che vivono nel Paese più povero del mondo, che offre poche opportunità e precarie condizioni di lavoro. Lo è per i migranti, ingabbiati dalle politiche fatte proprie dal Niger, promosse da Stati che oggigiorno vedono il migrante come mero oggetto economico da sfruttare o come “invasore” e “ladro”. E lavorare in Niger è diventato un vero privilegio per chi vi realizza azioni di cooperazione internazionale e di ricerca, perché dal punto di osservazione che offre il Niger il mondo appare diverso. Un Paese di mobilità e transito storici si è trasformato in una delle nuove frontiere dell’Europa. Frontiere porose, ma anche troppo controllate, che fanno incespicare, cadere, soffrire e morire persone alla ricerca di una chance di vita migliore. Guardare le migrazioni dal Niger significa osservare la deriva dei migliori sistemi di diritto e dei principi di convivenza civile e lo sfaldamento culturale ed etico. I nostri. “Il Niger e le nuove frontiere dell’Europa” offre una lettura di come, in Niger, migrazioni e lavoro siano al contempo concetti legati e slegati, accomunati da una progressiva erosione dei diritti, riflesso di processi mondiali. Attraverso interviste e incontri ravvicinati con protagonisti istituzionali, sindacali, lavoratori e lavoratrici migranti il libro decostruisce l’ossessione dell’invasione africana e ci richiama al basilare principio che ampliare l’applicazione dei diritti non significa doverli sottrarre a chi ne gode già, come vagheggia chi respinge l’idea della naturale mobilità umana. Questo in sintesi quanto proposto dai testi contenuti in questo volume dove vengono rivisti e ampliati i risultati di una ricerca realizzata grazie al progetto di cooperazione internazionale realizzato da CGIL, CGIL Emilia Romagna, Nexus Emilia Romagna, Union des Syndicats de Travailleurs du Niger (USTN), Rete Sindacale Migrazioni Mediterranee e Subsahariane (RSMMS), dal titolo “Focal Points sindacali per le migrazioni presso l'USTN. Il Niger era ricordato per i paesaggi cinematografici e per il transito della Parigi-Dakar o delle carovane del sale, oggi è diventato una dei crocevia delle contraddizioni del mondo globalizzato.

 

Autori

Fabio Amato è professore associato di Geografia presso l’Università di Napoli “L’Orientale”. Dirige il centro di elaborazione culturale Mobilità e Migrazioni Internazionali (MoMi) presso lo stesso Ateneo. Si occupa di Geografia urbana e sociale e di Migration Studies, Ha svolto diverse ricerche su Napoli e la sua area metropolitana e sul Mezzogiorno in generale, in anni recenti si è interessato ai temi di critical geopolitics, coordinando il gruppo nazionale AGeI “Media e Geografia”.

Alessio Iocchi, dottore di ricerca in Africanistica presso l'Università di Napoli "L'Orientale" con uno studio sul jihadismo nell'area del Lago Ciad. È Post-Doctoral Research Fellow presso il Norwegian Institute for International Affairs (NUPI). Si occupa in particolare di studi critici sul terrorismo islamista, di economia informale e flussi migratori trans-sahariani. Suoi saggi sono apparsi su Politique AfricaineEgypte-Monde ArabeAfriche e orienti, Annual Review of Islam in Africa.

 

 


 

Fotogallery

zoom

 » Il Niger e le nuove frontiere dell'Europa


 

« Continua lo Shopping
Vai al carrello »

L'articolo č nel carrello